Mercoledi, 1 marzo 2017 - ORE:18:45

An Education, storia dell’educazione sentimentale di una ragazza del dopoguerra


an-education
Appena sentiamo parlare della Londra degli anni ’60, subito pensiamo alla Swinging London, i Beatles, le minigonne di Mary Quant e Twiggy.An Education, invece, racconta di una realtà diversa, agli inizi degli anni ’60 nella periferia benestante della capitale inglese.

Jenny Mellor, la protagonista, è una sedicenne incredibilmente brillante. Viene da una famiglia borghese di stampo anni ’50: la madre è una donna a sua volta intelligente, costretta però nel ruolo di casalinga perfetta; il papà, invece, è il classico padre-padrone che tenta di comandare la famiglia e programmare la vita di Jenny, benché in maniera ottusa e pasticciona. La ragazza frequenta una scuola femminile molto rigida dove, secondo i dettami del tempo, è obbligatorio studiare danza ed economia domestica oltre alle materie consuete. Difatti in quegli anni le ragazze appena diplomate avevano davanti a loro solo due opzioni: sposarsi e diventare brave mogli, oppure continuare a studiare. Le insegnanti, però, sperano che le studentesse si formino un’istruzione e trovino un impiego soddisfacente senza dover sacrificare la propria intelligenza per un marito; in particolare l’insegnante di lettere, che venera le qualità intellettive di Jenny, sogna per la ragazza un futuro dorato.

An Education

I genitori premono per mandarla ad Oxford, dove potrà fare conoscenze interessanti ed entrare nel giro della gente che conta: così la vita della ragazza è votata allo studio e ad attività extrascolastiche come il violoncello, scelto unicamente per fare una buona impressione sugli esaminatori dell’università. La sua vera passione, però, è il francese: Jenny sogna di visitare Parigi, ascolta musica francese per ore chiusa nella sua camera, infila espressioni francesi nei suoi discorsi e desidera “diventare francese” dal momento in cui entrerà all’università.

Un pomeriggio, tornando a casa a piedi sotto il temporale, Jenny incontra David, un affascinante trentenne che le offre un passaggio a bordo di un’auto costosa. In poche battute David conquista la ragazza, e inizia a corteggiarla con fiori e inviti a concerti di musica classica. Di fronte agli intransigenti genitori di Jenny, l’uomo non si perde d’animo: va a far visita ai Mellor, e con una combinazione di buone maniere e bugie riesce in un batter d’occhio a conquistarsi la fiducia dei coniugi.

Inizia così una girandola di appuntamenti tra eleganti club, teatri, aste, finesettimana fuori città, tutti offerti da David, che ogni volta inventa nuovi stratagemmi per far ottenere a Jenny il permesso di andare. Dopo 16 anni di doveri e imposizioni, Jenny sta vivendo finalmente la vita glamour e interessante che ha sempre desiderato: comincia così a valutare l’ipotesi di smettere gli studi, così noiosi rispetto allo stile di vita che il suo amato David le fa condurre. Anche i genitori della ragazza, totalmente ammaliati dall’uomo, non disdegnano l’idea di una figlia sistemata con un uomo così interessante, che si occuperà di lei rendendo superfluo il ruolo dell’università. Ma Jenny, benché accecata dall’amore per l’uomo, non ha perso il suo acume: si rende ben presto conto che David, pur mostrandosi gentile e premuroso con lei, nasconde qualcosa. E quando ormai Jenny sembra aver lasciato perdere del tutto il suo brillante futuro, un’incredibile scoperta le farà decidere di riprendere in mano la sua vita.

Il film, uscito nel 2009, vanta uno sceneggiatore come Nick Hornby, celeberrimo scrittore inglese. L’autore per stavolta non parla di musica, tema centrale dei suoi romanzi, ma il suo stile graffiante permane nei dialoghi, e soprattutto in molte battute della sveglia protagonista. Il cast è formato da grandi attori: Alfred Molina interpreta il padre di Jenny, Emma Thompson la preside della scuola, e Peter Sarsgaard impersona il bel David.

La critica ha accolto molto bene questa pellicola, la quale ha ottenuto non solo un punteggio del 94% sull’autorevole quanto impietoso Rotten Tomatoes, ma anche tre candidature ai premi Oscar.



Fate sempre attenzione! di ldgsocial
Pubblicato da:
Tempo stimato di lettura: 3 minutes, 53 seconds
Scrivi la tua opinione


  • Ti potrebbe interessare

  • Link che ci piacciono

    Copy to clipboard Update my DFP setup
  • Leggi qui

  • Consigliato

Eccetto dove diversamente indicato, i contenuti di Studionews24 sono rilasciati sotto Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License. Tutti i contenuti di Studionews24 possono quindi essere utilizzati a patto di citare sempre studionews24.com come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.studionews24.com oppure alla pagina dell'articolo. In nessun caso i contenuti di Studionews24.com possono essere utilizzati per scopi commerciali. Eventuali permessi ulteriori relativi all'utilizzo dei contenuti pubblicati possono essere richiesti a info@studionews24.com.