Sabato, 29 aprile 2017 - ORE:01:14

Commedia romantica demenziale con un buon cast buttato al vento

commedia romantica demenziale

commedia romantica demenziale

They Came Together: una commedia romantica demenziale

Il film di David Wain (che ricordiamo per Wanderlust) introduce la storia d’amore tra Joel e Molly (Paul Rudd e Amy Poehler), che trovandosi a cena con una coppia di amici ripercorrono i momenti precedenti al loro fatidico incontro, raccontando come poi si siano conosciuti e come sia scoppiato l’amore. Il titolo si riferisce al fatto che, invitati a un appuntamento al buio, i due si siano casualmente presentati insieme, e nonostante sulle prime non si potesse certo definire l’incontro come un colpo di fulmine, poco alla volta i due inizieranno a conoscersi e si innamoreranno.

Questa in poche parole, senza rivelare twists e copi di scena che tra l’altro sono totalmente assenti, è la trama del film.

Il grosso problema con They Came Together è che il film non ha nulla di originale, e quando dico nulla intendo nulla, il che di questi tempi non sarebbe neanche una novità, ma a questo aggiungeteci che gli autori (tra cui è giusto segnalare anche il regista, essendo anch’egli colpevole), creano una storia con diversi riferimenti demenziali, cadute improvvise e grossolane da parte dei protagonisti, personaggi che abbiamo visto già milioni di volte in altri film, e che qui ritroviamo con un bel copia e incolla, il tutto senza però mai riuscire a far sorridere il pubblico (e dico sorridere, non ridere).

1Vedendo la pellicola mi sono chiesto più volte se tale “comicità” fosse stata studiata da chi ha scritto la storia, o se si trattasse del mero risultato di errori, incomprensioni, dubbio che non sono ancora riuscito a risolvere. Sul web c’è chi paragona questa indecente commedia romantica a Anchorman (se volete leggetevi la recensione dell’ultimo capitolo Anchorman: The Legend Continues – Fotti la Notizia 2 uscito il 26 giugno), ma con tale film, a parte la presenza di Paul Rudd, non ci sono punti in comune, anche perché, almeno a me, Anchorman ha fatto ridere molto. Il livello raggiunto in They Came Together è davvero infimo, con dialoghi pessimi, ridicoli, tanto da farci provare imbarazzo per il cast mentre si guarda il film, e se a volte ci tengo a sottolineare che alcune pellicole Usa una volta tradotte in italiano perdono di comicità, beh, sappiate che in questo caso il problema non sussiste in quanto il film non riesce a estorcere una risata neanche a forza, potreste vederlo in Tibetano e il risultato finale sarebbe il medesimo.

In effetti, e cito un commento di un lettore dagli Usa, l’unica soddisfazione che questo film avrebbe potuto darci era quella di vedere il cast atrocemente scannato dal mostro di turno, uno alla volta, lentamente, ma They Came Together ci nega anche questo piacere.

Da evitare con cura.

VOTO: 4

Anno: 2014

Genere: commedia

Regia: David Wain

Cast: Paul Rudd, Amy Poehler, Cobie Smulders, Christopher Meloni, Max Greenfield

Nelle sale italiane: al momento non si sa ancora nulla, è uscito in Usa il 24 gennaio al Sundance Film Festival

Budget e Box office: non si hanno dati sugli incassi mentre pare che il budget sia stato di circa 3 ML di $



Fate sempre attenzione! di ldgsocial
Pubblicato da:
Tempo stimato di lettura: 3 minutes, 24 seconds
Scrivi la tua opinione


  • Ti potrebbe interessare

  • Link che ci piacciono

    Copy to clipboard Update my DFP setup
  • Leggi qui

  • Consigliato

Eccetto dove diversamente indicato, i contenuti di Studionews24 sono rilasciati sotto Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License. Tutti i contenuti di Studionews24 possono quindi essere utilizzati a patto di citare sempre studionews24.com come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.studionews24.com oppure alla pagina dell'articolo. In nessun caso i contenuti di Studionews24.com possono essere utilizzati per scopi commerciali. Eventuali permessi ulteriori relativi all'utilizzo dei contenuti pubblicati possono essere richiesti a info@studionews24.com.