Domenica, 22 gennaio 2017 - ORE:23:26

Addio Signor Spock, aka Leonard Nimoy

leonard nimoy

leonard nimoy

Lunga vita e prosperità a Leonard Nimoy

Si è spento ieri nella sua casa di Los Angeles l’attore e regista ottantatreenne Leonard Nimoy a tutti noto come il Signor Spock di Star Trek.

Nimoy, nato a Boston nel 1931 da una famiglia ebraica di lingua Yiddish, si accosta al mondo della recitazione all’età di 8 anni e ottiene il primo ruolo rilevante a 17 in Awake and Sing!, di Clifford Odets. Si laurea successivamente al Boston College nel 1953 e consegue un Master of Arts in scienze dell’educazione all’università dell’Ohio.

Leonard Nimoy si arruola nella riserva dell’esercito Usa nel 1953 e si congeda nel 1955 con il ruolo di sergente.

Ripresa la carriera di attore Nimoy ottiene diverse piccole parti in film di serie B fino a quando viene notato e ingaggiato per una serie Tv che sarebbe diventata un vero cult: Star Trek.

Nella prima serie della saga fantascientifica Leonard interpreta l’ibrido umano/vulcaniano Signor Spock: fedele compagno e amico del protagonista Capitano Kirk. Nei tre anni della messa in onda riceve tre candidature agli Emmy per il suo ruolo.

Nella serie animata tratta da Star Trek Leonard è ancora Spock. lo è ancora per per ben sei film tra cui in due episodi di Star Trek: The next generation e recentemente lo troviamo in una versione anziana nei due film girati da J.J. Abrams.

Il rapporto con il suo alter ego

Il rapporto con il suo alter ego televisivo in realtà non è sempre stato idilliaco. Leonard infatti partecipa a molte serie tv (come per esempio Bonanza e Get smart), a svariate pellicole (ricordiamo Terrore dallo spazio Profondo), spettacoli teatrali (Sherlock Holmes, My fair lady, Equus) e ha pure una discreta carriera come musicista. Il pubblico però continua ad associarlo unicamente a Spock e la cosa lo amareggia non poco.

Nel 1975 descrive questo suo malumore nel libro autobiografico “Io non sono Spock”  al quale segue però nel 1995 “Io sono Spock” scritto dopo che negli anni ha imparato a convivere e anche ad amare il suo personaggio.

Negli ultimi anni Nimoy ha avuto una prolifica carriera come doppiatore lavorando per serie videoludiche come Kingdom Hearts e Civilization e in film e serie come Transformers e The Big Bang Theory, senza dimenticare la sua partecipazione come attore alla serie Fringe nel ruolo dell’ambiguo William Bell.

Nel 2014 ammette di soffrire di una grave malattia che gli deriva dai suoi anni di accanito fumatore, la stessa malattia che ieri purtroppo se l’è portato via.

Uomo di grande e cultura e intelligenza, simbolo del genere fantascientifico, Nimoy ha sempre affrontato con il sorriso tutte le vicende della sua vita, come dimostra anche il suo ultimo messaggio su Twitter nel quale si congeda con il saluto tipico del suo personaggio:leonard nimoy

“La vita è come un giardino. Si possono avere momenti perfetti, ma senza conservarli, se non nei ricordi. Lunga vita e prosperità”

Lunga vita e prosperità anche a te Signor Nimoy, resterai per sempre un mito.



Fate sempre attenzione! di ldgsocial
Pubblicato da:
Tempo stimato di lettura: 3 minutes, 9 seconds
Scrivi la tua opinione


  • Ti potrebbe interessare

  • Link che ci piacciono

    Copy to clipboard Update my DFP setup
  • Leggi qui

  • Consigliato

Eccetto dove diversamente indicato, i contenuti di Studionews24 sono rilasciati sotto Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License. Tutti i contenuti di Studionews24 possono quindi essere utilizzati a patto di citare sempre studionews24.com come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.studionews24.com oppure alla pagina dell'articolo. In nessun caso i contenuti di Studionews24.com possono essere utilizzati per scopi commerciali. Eventuali permessi ulteriori relativi all'utilizzo dei contenuti pubblicati possono essere richiesti a info@studionews24.com.