Domenica, 23 luglio 2017 - ORE:04:36

“ 33 Giorni” : un film in onore di uno dei più drammatici capolavori dell’arte novecentesca , il “Guernica” di Picasso

i mercenari

Con un cast inattaccabile e una trama avvolgente e toccante, l’ottantenne regista spagnolo, Carlos Saura, dirige “33 giorni” , un film che verte sul periodo in cui Picasso diping e uno dei suoi più grandi capolavori, ovvero “Guernica”, realizzato in ben 33 giorni.

Antonio Banderas si cala nei panni di Pablo Picasso, il genio assoluto, il padre riconosciuto del Cubismo, colui che ha “stracciato” tutti gli stilemi tradizionali per innovare davvero, tracciando una nuova via per l’arte contemporanea.

Nel film viene presentato come un uomo spogliato di tutti i suoi stati d’animo in un momento di forte crisi personale.

La notizia del terribile bombardamento dell’ aviazione nazista sulla cittadina basca di Guernica nel 1937, durante la guerra civile spagnola, lo segna moltissimo. Tale episodio scatena il desiderio irrefrenabile di Picasso di dedicarsi a un’opera così sentita e vissuta con quella sensibilità propria di ogni artista.

Il quadro che ne deriva ,intitolato “Guernica” , è di grandi dimensioni proprio per rappresentare una sorta di manifesto che esponesse al mondo la crudeltà e l’ingiustizia della guerra che sempre più serpeggia nell’aria.

E’ forse l’opera più drammatica e “inquietante “ del XX secolo: il toro rappresenta il Minotauro, simbolo di bestialità, la lampada ad olio simboleggia la ragione, il cavallo agonizzante è la personificazione del popolo spagnolo degenerato. Il tema della violenza e della sofferenza sono sottolineate dalla madre, che grida al cielo disperata, con il figlio senza vita tra le braccia. In basso troviamo un cadavere,vittima della crudeltà nazifascista, che stringe nella mano destra una spada spezzata da cui sorge un pallido fiore come se fosse emblema di speranza per un futuro migliore. Picasso si accinge a deformare i corpi, a creare delle linee che si tagliano a vicenda, e delle lingue aguzze che alludono ad urli disperati e laceranti. E dall’alternarsi di campi bianchi, grigi e neri che accentuano la dinamica delle forme contorte e marcano l’assenza di vita in una Guernica rasa a zero.

Nel film si mette in luce anche la sfera sentimentale di un Picasso combattuto tra 3 donne: sua moglie, la ballerina russa Olga KhoKhlova e le due amanti francesi, Marie Thérèse Walter, con la quale ha avuto una figlia, e Dora Maar, pseudonimo di Henriette Theodora Markovitch.

L’attrice americana, Gwyneth Paltrow, impersona proprio Dora Maar, un’ aspirante pittrice del movimento surrealista, nonché fotografa delle fasi di creazione del “Guernica” . Ma Dora è soprattutto l’amante di Picasso, col quale vive una storia d’amore e di passione durata dal 1935 al 1943, ed è anche la musa ispiratrice di alcuni dipinti del cubista spagnolo.

Intervistato di recente dal quotidiano spagnolo, “El Paìs”, Banderas sottolinea onori ed oneri per essere stato scelto dal regista per questo ruolo così avvincente: “ Picasso è un personaggio da cui sono stato ossessionato a lungo, ma finora ho sempre rifiutato di interpretarlo. Merita enorme rispetto perché anche io sono di Malaga e sono nato a quattro isolati di distanza da lui”.

Un film che senza ombra di dubbio saprà stupire e imporsi sul grande schermo, facendoci vivere un pezzo di storia di uno dei più grandi artisti al mondo.



Fate sempre attenzione! di ldgsocial
Pubblicato da:
Tempo stimato di lettura: 3 minutes, 33 seconds
Scrivi la tua opinione
  • Leggi qui

Eccetto dove diversamente indicato, i contenuti di Studionews24 sono rilasciati sotto Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License. Tutti i contenuti di Studionews24 possono quindi essere utilizzati a patto di citare sempre studionews24.com come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.studionews24.com oppure alla pagina dell'articolo. In nessun caso i contenuti di Studionews24.com possono essere utilizzati per scopi commerciali. Eventuali permessi ulteriori relativi all'utilizzo dei contenuti pubblicati possono essere richiesti a info@studionews24.com.