Giovedi, 27 aprile 2017 - ORE:12:54

Hotel Rwanda: un film per non dimenticare



Trama: Ruanda, Kigali, 1995, le tensioni sociali tra le due etnie hutu e tutsi sfociano nella violenza quando l’aereo presidenziale viene abbattuto e il trattato di pace annullato. Gli hutu iniziano così a massacrare i tutsi, accusandoli di alto tradimento e definendoli “scarafaggi”. Il direttore di un hotel di lusso, hutu, marito di una tutsi, Paul Rusesabagina (Don Cheadle), accoglie e salva la vita a migliaia di tutsi in fuga dal genocidio messo in moto dai militari hutu. Malgrado un iniziale aiuto da parte delle Nazioni Unite, l’occidente si dimostrerà poi distaccato e disinteressato a ciò che sta accadendo in Ruanda, e penserà solo ad evacuare i bianchi residenti in quel paese.

Il Film: Hotel Rwanda ha ricevuto numerose nomination e vinto molti premi. Tra le nomination la candidatura come miglior attore protagonista a Don Cheadle, come miglior sceneggiatura originale (firmata dal regista Terry George e dallo sceneggiatore Keir Pearson) e come miglior attrice non protagonista a Sophie Okonedo, che interpreta Tatiana Rusesabagina. il film è tratto da una storia vera e vuole ricordare un genocidio sul quale le grandi potenze, all’epoca, chiusero gli occhi, per incompetenza o per assenza di interessi economici in quel paese. Oltre alla denuncia il film riesce ad emozionare, creare pathos e tensione, ed evita di cadere in errori come l’eccesso di violenza o gli scivoloni strappalacrime.

Cast: il regista ha scelto gli attori giusti per ricoprire tutte le parti. Don Cheadle è bravissimo nel rendere la figura di un uomo comune che salva se stesso e gli altri grazie all’arte, imparata con l’esperienza e la grande determinazione, di arrangiarsi. Anche Sophie Okonedo si immedesima perfettamente nel ruolo della madre inerme davanti alla tragedia del genocidio. Tra gli altri spicca Nick Nolte, nel ruolo di un colonnello dell’ Onu, in disapprovazione con le scelte dei governi dell’occidente. Jean Reno interpreta il presidente della Sabena Airlines; Joaquin Phoenix un coraggioso giornalista.

Il Regista: Terry George, irlandese di Belfast, ha vinto nel 2012, con il film The Shore, il premio Oscar per il miglior cortometraggio. Ha scritto la sceneggiatura del famoso film The Boxer, diretto da Jim Sheridan, con interprete principale Daniel Day-Lewis.

Curiosità: la scena madre del film è a metà pellicola quando Paul e un suo dipendete, dovendo tornare all’hotel dopo aver preso i rifornimenti, attraversano la via lungo il fiume, avvolta in una fitta nebbia. La strada sembra essere piena di buche e Paul ordina all’autista di fermarsi. Sceso dall’auto di rende conto della terribile verità: non sono buche, ma corpi di tutsi massacrati dai militari hutu. L’inquadratura su Paul che guarda la scia di cadaveri nella nebbia è indimenticabile.



Fate sempre attenzione! di ldgsocial
Pubblicato da:
Tempo stimato di lettura: 3 minutes, 2 seconds
Scrivi la tua opinione


  • Ti potrebbe interessare

  • Link che ci piacciono

    Copy to clipboard Update my DFP setup
  • Leggi qui

  • Consigliato

Eccetto dove diversamente indicato, i contenuti di Studionews24 sono rilasciati sotto Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License. Tutti i contenuti di Studionews24 possono quindi essere utilizzati a patto di citare sempre studionews24.com come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.studionews24.com oppure alla pagina dell'articolo. In nessun caso i contenuti di Studionews24.com possono essere utilizzati per scopi commerciali. Eventuali permessi ulteriori relativi all'utilizzo dei contenuti pubblicati possono essere richiesti a info@studionews24.com.